La nuova Mercedes EQE

Mercedes EQE al volante della viceammiraglia a batteria della Stella, perfetta sia per il business che per la famiglia

di Cesare Cappa
  • condividi l'articolo

Uno dei temi caldi quando si tratta di auto elettriche è relativo all'autonomia. È noto il fatto che lo stile di guida rispetto a questo genere di vetture, influenzi maggiormente i chilometri a disposizione se paragonato a quello che avviene con le auto tradizionali. Mercedes-Benz, con la recente introduzione della nuova ammiraglia EQS, sembrerebbe aver risolto questo genere di preoccupazione, rendendo l'auto elettrica più capace in termini di autonomia.

La Stella a tre punte ha deciso di ripetersi con la nuova EQE, berlina che riprende il formato e la tecnologia della maggiore di cui sopra, sebbene le dimensioni siano leggermente più contenute. Sottolineamo leggermente, dato che si tratta pur sempre di un'automobile di circa 5 metri di lunghezza. Classificarla come la Classe E delle elettriche non è propriamente sbagliato. Dopotutto la EQS, denominazioni a parte, rimane l'ammiraglia di punta sul fronte dell'elettrico, esattamente come la Classe S lo è per quello termico (elettrificato). Al di là dei parallelismi, la nuova EQE può vantare 654 km di autonomia dichiarata, grazie soprattutto ad un pacco batteria da 90,56 kWh.

Certo il peso dell'auto supera le due tonnellate, compensate però da un Cx di appena 0,22. Lo stile è decisamente similare a quello di EQS. Vettura da cui eridita, sebbene al momento non sia ancora disponibile, l'apparato Hyperscreen. Ovvero il maxi schermo – che poi di fatto sono tre in uno – che segue tutta la lunghezza della plancia. La soluzione attuale è in linea con la recente Classe C. Quadro strumenti digitale davanti al conducente e display touch in senso verticale al centro della plancia. Soluzione minimalista, ma perfettamente tarata per fornire tutte le informazioni necessarie.

In Italia, in questa prima fase, sarà a listino la versione 350+ a trazione posteriore (dotata di un solo motore elettrico) da 292 cavalli. La più performante variante AMG di EQE, capace invece di 476 cavalli e provvista di due motori elettrici (uno per asse) e quindi di trazione integrale 4Matic, è già presente nel listino della Stella. Ma se invece puntate alla parsimonia, prossimamente sarà disponibile la EQE 300+, un po' meno brillante però attenta ai consumi di energia.

L'elettrica Mercedes è la seconda vettura della casa tedesca ad essere stata realizzata sulla piattaforma EVA, che dopo EQS e appunto EQE, darà i natali pure al SUV EQS e al SUV EQE. Dettagli di un futuro neppure troppo prossimo.

Su strada la berlina 350+ a trazione posteriore si distingue per una peculiarità tanto scontata, quanto fondamentale per un approccio verso l'auto elettrica di chi macina chilometri: la comodità. Un grande classico Mercedes confermato pure sulle generazioni del futuro. Lo spazio, sia davanti sia detro, non manca, ma i 430 litri di bagagliaio sembrano un po' pochi rispetto alle dimensioni dell'auto.

Di serie il retrotreno autosterzante. Può variare l'angolo di sterzata sino a 5 gradi, ma pagando un surplus si arriva a quota 10. Il bello è che non è necessario andare in officina per effettuare alcuna modifica, ma avviene tutto via etere.

Nella guida in autostrada si apprezza appunto il comfort di marcia, necessario ad una passista 2.0. Dopotutto, al di là dei dati ufficiali, i 500 km di autonomia sono tranquillamente alla portata senza prestare per forza troppa attenzione allo stile di guida. L'erogazione è sempre progressiva, mai violenta, neppure nelle modalità più sportive.

La versione Lunch Editon di EQE 350+ parte da 93.017 euro. Un divario importante di prezzo da una potenziale rivale interna come la Classe E, compensato però da costi di gestione decisamente più bassi.

  • condividi l'articolo
Giovedì 19 Maggio 2022 - Ultimo aggiornamento: 16-06-2022 08:45 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti