Francesco Venturini, responsabile di Enel X

Enel X, Venturini: «Entro fine anno in Italia 2.500 colonnine di ricarica. Ci aspettiamo ora un forte impegno del Governo»

  • condividi l'articolo

ROMA - Entro fine anno Enel avrà installato in Italia circa 2.500 colonnine per ricaricare le auto elettriche. «Installiamo 60-70 colonnine a settimana, saranno 918 entro fine anno», ha detto il responsabile di Enel X, Francesco Venturini, nel corso dell’evento “e-mobility Revolution 2018” a Vallelunga, spiegando che queste si andranno ad aggiungere alle 1.578 colonnine già installate nel Paese. Enel si è impegnata in un piano quinquennale di installazioni di infrastrutture di ricarica di 14.000 colonnine entro il 2022, per un investimento complessivo fino a 300 milioni di euro.

«Ci aspettiamo ora un forte impegno» da parte del governo nel settore delle auto elettriche. Lo ha detto il responsabile di Enel X, Francesco Venturini, nel corso dell’evento “e-mobility Revolution 2018” a Vallelunga, commentando l’annuncio del vicepremier Luigi Di Maio circa un milione di auto elettriche in Italia entro il 2022. «Per fortuna non si parla più di parità tecnologica. È un segnale importante», ha aggiunto Venturini. Enel X prosegue nella realizzazione del Piano nazionale per le infrastrutture di ricarica e lancia “Intelligent charging solutions”, soluzioni chiavi in mano, modulari e scalabili studiate per privati, aziende e amministrazioni pubbliche. Fra queste, il “lampione intelligente” a led che illumina e ricarica i veicoli elettrici.

«La nostra sfida è quella di guidare la transizione energetica: l’elettricità sarà il principale vettore per realizzare una profonda decarbonizzazione di tutti i settori, primo fra tutti quello dei trasporti», ha detto l’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace durante l’evento “e-mobility Revolution 2018” a Vallelunga. «Quella della mobilità elettrica è una “rivoluzione in corso” e l’Italia parte da una posizione di vantaggio avendo una rete già completamente digitalizzata», ha sottolineato Starace, spiegando che «per la realizzazione del nostro Piano nazionale di infrastrutture di ricarica abbiamo già siglato accordi per circa 4.300 infrastrutture di ricarica con le amministrazioni pubbliche ma anche con realtà industriali e commerciali, che ci permetteranno di proseguire speditamente per far sì che l’ auto elettrica diventi un mezzo alla portata di tutti».

  • condividi l'articolo
Friday 21 September 2018 - Ultimo aggiornamento: 23-09-2018 09:38 | © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti