Parcheggiare nel posto del disabile è reato: per la Cassazione è violenza privata

ROMA - Commette violenza privata chi parcheggia il proprio veicolo nel posto che è stato espressamente assegnato al singolo utente disabile. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, quinta sezione penale, nella sentenza n. 17794/2017 (qui sotto allegata) rigettando il ricorso dell'imputato, ritenuto colpevole del delitto ex art. 610 c.p. per aver parcheggiato la propria autovettura in una spazio riservato a una disabile, affetta da gravi patologie, così impedendole di utilizzarlo. 

La rimozione del veicolo avveniva solo dopo molte ore, operata dalla Polizia municipale più volte allertata. Inutile per l'uomo difendersi affermando che l'auto fosse in uso alla nuora, poichè il tentativo d'alibi era fallito stante il riscontro della falsità delle affermazioni della donna. In Cassazione, la difesa dell'imputato sottolinea che il parcheggiare l'autovettura in uno spazio riservato non equivale a impedire intenzionalmente la marcia a una vettura, come evidenziato da precedenti giurisprudenziali, non integrando quindi il delitto di violenza privata. Ciononostante i giudici non accolgono la doglianza di insussistenza degli elementi oggettivi del delitto contestato: anche il ricorrente, precisa il Collegio, ha impedito all'avente diritto di parcare la propria autovettura, parcheggiando nello spazio a lui riservato.

In realtà, si legge nel provvedimento, se lo spazio fosse stato genericamente dedicato al posteggio dei disabili, la condotta del ricorrente avrebbe integrato la sola violazione dell'art, 158 comma 2 del Codice della Strada: tale norma punisce, con sanzione amministrativa, chi parcheggi il proprio veicolo negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli di persone invalide. Poichè nel caso di specie lo spazio è espressamente riservato a una determinata persona, per ragioni attinenti al suo stato di salute, alla generica violazione della norma sulla circolazione stradale si aggiunge l'impedimento al singolo cittadino a cui è riservato il diritto di parcheggiare lì dove solo a lui è consentito lasciare il mezzo. Da qui la sussistenza dell'elemento oggettivo del delitto contestato.

Della violenza privata, inoltre, per i giudici sussiste anche l'elemento soggettivo: la piena consapevolezza si desume dal non aver affermato in giudizio di non aver notato la segnaletica orizzontale e verticale che segnalava lo spazio come riservato a un singolo utente disabile. Anzi, il parcheggio non era neppure avvenuto per pochi minuti, circostanza avrebbe consentito di dubitare della sua volontà: la vettura era stata parcheggiata prima delle 10:40 fino alla notte, impedendo al disabile, cui era stato assegnato il posto, di parcheggiare anche al suo ritorno a casa di sera. Solo alle 2:00 di notte, infatti, l'autovettura veniva rimossa coattivamente dalla polizia locale. Pertanto, il ricorso va rigettato e il ricorrente condannato al pagamento delle spese processuali.
 
 




 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Giovedì 20 Aprile 2017, 17:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Comunque vada sarà un successo. Due vittorie in tre gare e un ottimo secondo posto. Vettel guida dall’inizio il Mondiale Piloti ed ora la Ferrari è in testa anche in quello...
Offensiva Suv di Citroën, ecco il nuovo C5 Aircross
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
LA RIVOLUZIONE
Le retromarce, l'inversione di marcia, i posteggi e le uscite dalle aree di parcheggio, ma...
OCCHIO ALLA BICI
Ciclisti in strada
ROMA - Novità sostanziose in vista per gli amanti delle due ruote senza motore e...
AVVIO INASPETTATO
Thierry Neuville (Hyundai) ha vinto il tour de Corse
AJACCIO – Difficile immaginare un avvio più intrigante: con il successo di Thierry...
WTCC
Tiago Monteiro
MARRAKECH – Il fine settimana inaugurale (dopo le prove generali di Monza) del FIA World...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 CORRIERE ADRIATICO - C.F. e P.I. 00246630420