Marchionne: «Non ho parlato con Trump, ma lo ringrazio per il tweet»

DETROIT - Sergio Marchionne ringrazia Donald Trump, che in un tweet aveva ringraziato il gruppo Fiat Chrysler Automobiles per l’investimento da un miliardo di dollari annunciato ieri in Usa e che porterà alla creazione di 2.000 posti di lavoro. «Lo ringrazio di cuore per averci ringraziato. È un atto dovuto al Paese», ha aggiunto il top manager parlando a margine del salone dell’auto di Detroit. Marchionne dice di non avere parlato con il presidente eletto Donald Trump «nè con i suoi consulenti».

Parlando nella conferenza con la stampa straniera al salone dell’auto di Detroit, l’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles ha spiegato che la decisione di ieri - quella che prevede un miliardo di dollari in Usa e la creazione di 2.000 posti - «era prevista da tempo. Non c’è nulla di insolito, è solo la continuazione di una riorganizzazione degli impianti per l’internazionalizzazione della Jeep» e per puntare sul pickup track a marchio Ram. «La cosa bella dell’annuncio di ieri è che è stato senza sforzi», una «coincidenza» che si sia verificato in un periodo in cui Trump ha preso di mira - a colpi di tweet - gruppi come Gm, Ford e Toyota.

«Abbiamo bisogno di chiarezza, non siamo gli unici ad averne bisogno», ha continuato a chi chiedeva un commento sulle ipotetiche politiche del 45esimo presidente Usa, che ha minacciato l’imposizione di dazi doganali alti per chi importa in Usa vetture prodotte in Messico. «Ci adegueremo quando le regole cambieranno, se cambieranno. Non abbiamo scelta. Ci vuole tempo per adeguarsi ma per ora sono solo speculazioni su quello che farà. Aspettiamo».
 
 
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
Lunedì 9 Gennaio 2017, 16:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CERCA UN ARTICOLO
Sezione
Parola chiave
   
MILLERUOTE
di Giorgio Ursicino
Alla vigilia del salone di Ginevra ripartono le manovre di consolidamento nel settore dell’auto che potrebbero scatenare un effetto domino in grado di cambiare lo scenario globale e,...
Land Rover Discovery 5, la nostra prova nel deserto dello Utah
SEGUICI su facebook
TUTTOMERCATO
POSSIBILE VENDITA
Un distributore TotalErg
ROMA - Un altro marchio storico della benzina, dopo Shell ed Esso, rischia di uscire dalla rete...
TREND MOLTO POSITIVO
Un parco auto
TORINO - Il trend degli ultimi mesi lasciava presagire che l’Europa dei 28+Efta chiudesse il...
AVVIO INASPETTATO
Il team Ford M-Sport festeggia la vittoria
MONTECARLO – Sul sito di M-Sport campeggia una foto trionfale: una intera scuderia in festa....
LA DEPOSIZIONE DEL RE
Bernie Ecclestone
LONDRA - L’ufficialità è arrivata in anticipo perché la notizia era...
LE ULTIME PROVE
CALTAGIRONE EDITORE | IL MESSAGGERO | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI   |   PRIVACY
© 2017 CORRIERE ADRIATICO - C.F. e P.I. 00246630420